Hilfe für die Erdbebenregion

Im vergangenen Jahr haben wir bereits zwei Essensbestellungen in Italien gemacht, um Familien in der Erdbebenregion zu unterstützen.

Auch in diesem Frühjahr geht es den Betroffenen nicht gut. Wir sind in Kontakt getreten mit Bruno Filotei, er kommt aus Pescara del Tronto und arbeitet(e) in Norcia . Bruno hat durch die Erdbeben sein Geschäft, sein Auto, seine Wohnungen und sechs Menschen in der Familie verloren. Seine Mail an uns ist voller Wut und Trauer. Der Aufbau der Städte geht langsam voran. Es gibt viele bürokratische Hürden und wenig offizielle Hilfe. Bei ihm wollen wir nun eine Bestellung aufgeben, damit sein Handel wieder in Bewegung kommt.

 

Essensbestellungen bis 5. Mai 2017

Eine Liste der Produkte kann hier hier einegsehen werden.
Die Bestellungen sollten bis 5. Mai bei uns eingehen (per Mail an Irene: gallerani@italienverein.de)
Bilder von den Produkten und weitere Details können hier nachgelesen werden (italiano), weiter unten Bilder und Informationen in italienisch.

 

Bruno ha perso quasi tutto

Bruno Filotei ora vive ad Ascoli Piceno ed è da lì che ci scrive. L´Italienverein lo ha contattato perché è uno dei rivenditori di prodotti alimentari che risulta chiuso, ma pronto ad evadere ordini in tutta Europa.

La sua storia è come quella di molti dei cittadini di Pescara del Tronto. Il piccolo paese dell´entroterra marchigiano è stato la zona più colpita dai terremoti del 2016 e, sebbene da qualche settimana siano iniziati i lavori di sgombero delle macerie e di ricostruzione, passeranno ancora mesi prima che il paese, oggi completamente evacuato, torni ad essere abitabile. “Il borgo è stato raso al suolo in 20 secondi” ci racconta Bruno “e sotto le macerie ho perso 6 familiari, 3 case, 2 auto e 4 locali“.

Come vivere senza negozio

Il suo negozio a Norcia era il solo sul Corso e aveva resistito alle prime scosse, è però crollato con il sisma del 30 ottobre. Ora senza un negozio e senza poter più vivere nel proprio paese, Bruno si è dovuto trasferire ad Ascoli Piceno. “In quasi 8 mesi si è fatto solo il 15% dei lavori a Pescara del Tronto” ci tiene a farci sapere, dalle sue parole traspare tristezza e rabbia per un´Italia che si muove lentamente, ma sottolinea che la voglia di lavorare non manca, curare la vendita online è particolarmente faticoso nelle condizioni in cui si trova, ma è un´attività possibile e soprattutto “la gente europea ha aiutato molto comprando i prodotti online”.

 L´attività Filotei è ormai la terza che l´Italienverein aiuta dal 24 agosto, il primo pacco ci è stato spedito da Casanorcia, il secondo da Norcia Food, ora ci arriveranno le specialità della famiglia Filotei. Ordinare prodotti alimentare ci è sembrato un modo per supportare non solo le famiglie direttamente colpite, ma per aiutare l´economia locale, è però solo uno dei progetti a cui partecipiamo. Attraverso l´iniziativa della VDIG abbiamo anche raccolto fondi per assicurare uno scuolabus ai bambini di Pievebovigliana (Leggere qui).

Le iniziative dell´Italienverein a favore dei terremotati continueranno perché, sebbene non faccia più notizia, la ripresa dei lavori e di una vita “normale” sono rese estremamente difficili dal fatto che la terra in Italia non ha ancora smesso di tremare.

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.